La struttura base di un programma con linguaggio php.
ALLWEB free
Directory Web Script Linguaggi
Italiano Inglese Tutte
 
 20 Feb 2017
aggiungi in preferiti  
Home    Mappa directory    Script




Struttura programma php:

Premesse:
1) Ogni istruzione PHP deve finire con il punto e virgola.
Questo è uno degli errori per distrazione più comuni che commettono i programmatori.

2)Altra cosa importante da sapere è che per scrivere a video i caratteri riservati dobbiamo inserire la barra \ prima dello stesso carattere.
In pratica se vogliamo scrivere gli apici doppi a video, nel codice dovranno essere preceduti dalla barra (es. \" ).



Istruzioni iniziali:

Il linguaggio PHP prevede come in ogni linguaggio un inizio ed una fine.
I comandi che lo regolano sono i seguenti:

<?php //tag di apertura
....Codice PHP....
?> //tag di chiusura


Tutto quello racchiuso fra queste due istruzioni non sarà mai visibile dall'utente.

Un codice alternativo può essere:
<script language="php">
... istruzioni...
</script>

Ci sono altri modi per aprire e chiudere il codice PHP, ma per usarli dobbiamo settare i parametri di configurazione. Sicuramente conviene scrivere nel primo modo, tre lettere in più non creano danno a nessuno....

Le istruzioni in PHP possono essere in qualunque parte della pagina (come JavaScript), e si possono integrare con HTML.
<html>
<body>
<? phpinfo(); ?>
</body>
</html>

In questo caso il server elabora solo il codice PHP lasciando invariato il codice HTML.



Restituire codice:

A questo punto dobbiamo conoscere le due istruzioni che permettono di scrivere il codice utente (Html, JavaScript, css, ecc..):
print();
echo();
Questi due comandi permettono di creare le pagine che verranno caricate sul browser dell'utente.
La sintassi può variare anche in:
print"..testo..";
echo"..testo..";
All'interno possiamo inserire stringhe o istruzioni (compreso fra apici doppi o singoli se non è codice PHP).
Il comando echo a differenza di print può contenere più stringhe, purché siano separate da un punto.
Esempio:
echo"Ciao!"."<br>\n"."Come state?";
Come abbiamo appena visto possiamo introdurre sia frasi che istruzioni html. La cosa importante è il segno \n dopo il tag <br>. Serve esclusivamente per impaginare in modo corretto il documento html che risulterà dal codice php.
Senza \n tutto il codice html ottenuto da php genererà una sola riga, rendendo problematica la sua lettura dal programmatore.



Commenti:

I commenti sono simili ad altri linguaggi:
// Per commenti su una sola riga.
# Per commenti su una sola riga.
/*.....*/ Per commenti su più righe.



CONCLUSIONI:

Detto questo possiamo fare un piccolo esempio:
<?
$a="tutti";
echo"<b>Ciao a ".$a."</b>";
?>
In questo caso nella pagina che arriva nel browser troveremo scritto:
<b>ciao a tutti</b>
e l'utente potrà vedere a video:
ciao a tutti

In pratica abbiamo inserito del codice HTML con il linguaggio PHP. Questo è quello che crea le pagine dinamiche.
Immaginiamo di avere un database con 100 dati salvati, e li vogliamo scrivere dentro una tabella. Con HTML dobbiamo scrivere 100
<tr>
<td>
dato
</td>
</tr>
Con php ci connettiamo al database, inseriamo un ciclo if ed abbiamo scritto la tabella!
Senza considerare che ogni volta che cambiamo la tabella non dobbiamo cambiare il codice nella pagina PHP, perchè avviane in automatico!


Posizione:

Il codice PHP può essere inserito in qualunque parte della pagina.
Se prendiamo l'esempio sopra possiamo scrivere:
<table border="1">
<?
echo"<tr><td>ciao a tutti</td></tr>";
?>
</table>
Risultato:
ciao a tutti

In pratica una pagina in PHP non vuol dire scrivere una pagina di cicli, codici e funzioni. Una pagina in PHP di solito è una pagina con codice HTML e PHP, dove il server legge solo il codice PHP, lo elabora e lo spedisce al browser sotto forma di linguaggio HTML.

Si possono avere delle eccezioni a quello detto sopra se il codice viene inserito tramite include o require ossia quando una pagina viene formata da più pagine unite insieme (Un esempio simile sono i fogli di style richiamati quando necessario).